UNDO: Un caso completo in regalo con ioGioco

Diventiamo Tessitori del Tempo con UNDO

231
UNDO - Speranze Naufragate
UNDO - Speranze Naufragate

I giochi deduttivi sono stati tra i principali trend di successo dell’ultima annata. Sono veramente tanti i titoli, perlopiù cooperativi, usciti di recente che ci mettono nei panni di investigatori alle prese con un omicidio. In particolare, ha preso piede il comodo formato del piccolo cardgame: facile da trasportare e, soprattutto, da giocare visto che tutto quello che serve sapere per risolvere il caso è  scritto sulle carte.
Con questa “esplosione” di indagini one-shot è difficile sorprendere i novelli investigatori, ma UNDO è riuscito ad attirare l’attenzione delle platee internazionali sin dal suo primo annuncio.

UNDO
Le tre scatole di UNDO

Cambiamo il passato e preveniamo le morti con UNDO

UNDO è comparso la prima volta sul mercato tedesco a marzo di quest’anno, scatenando immediatamente l’interesse di numerosi publisher in tutto il mondo, tra cui la nostrana dV Giochi che lo ha prontamente opzionato e portato in Italia.
In UNDO prendiamo i panni di agenti temporali, i cosiddetti “Tessitori del Destino”, persone speciali capaci di modificare il passato. Ogni episodio di UNDO inizia con la morte improvvisa di una persona, lo sforzo dei Tessitori sarà nel cercare di evitare che questo accada, alterando il passato della vittima.
Durante le indagini i Tessitori potranno saltare nei momenti più importanti della vita del malcapitato, ma le loro azioni potrebbero portare a ulteriori tragiche conseguenze.

Carte e segnalini da ritagliare e comincia la missione

Potremmo illustrarvi l’innovativo meccanismo su cui si basano le carte destino di UNDO, ma abbiamo pensato che il modo migliore fosse farvelo provare! Grazie alla collaborazione con dV Giochi, nell’inserto allegato con il numero 14 di ioGioco troverete “Speranze naufragate”, un caso completo da ritagliare e giocare.  Misuratevi con questa sfida e poi verificate la soluzione che troverete stampata sulle pagine della rivista. E fateci sapere come è andato il vostro tentativo di cambiare il passato!