sabato 13 Aprile 2024

Ninja Shadow Forged – Rising Clan

La Winter Lair torna nel Giappone post moderno dell’universo di Ninja Shadow Forged, proponendo la prima espansione di Ninja Shadow Forged: Rising Clan.

Abbiamo provato per voi la nuova proposta ludica, ideata sempre da Marco Mingozzi, esplorando le nuove possibilità offerte rispetto al solo gioco base da questa espansione che – leggiamo sulla confezione – è una Limited Edition.

Ma andiamo con ordine, e vediamo cosa troviamo nella scatola di Rising Clan.

  • Titolo: Ninja Shadow Forged – Rising Clan (espansione)
  • Autore: Marco Mingozzi
  • Editore: Winter Lair
  • Genere: Gioco di Carte Non collezionabile
  • Numero Giocatori: 2-9
  • Durata: mediamente 60 min
  • Dipendenza dalla lingua: Bassa (poche istruzioni sulle carte)
  • Illustratori: Federico Musetti

All’interno della confezione sono presenti 114 carte così suddivise: 72 carte vantaggio (che vengono utilizzate in sostituzione del mazzo presente nel gioco base), 12 carte evento, 6 carte svantaggio e 9 carte ruolo. Completano la dotazione due carte riassuntive e una maxi scheda di combattimento degli Abomini Ninja, che rappresentano una delle novità di Rising Clan. Abbiamo poi il regolamento e un fumetto che introduce in chiave romanzata le innovazioni di questa espansione rispetto alla versione base.

Rising Clan è, come detto all’inizio della recensione, un’espansione e va quindi utilizzato insieme al gioco base di Ninja Shadow Forged (d’ora in avanti NSF). Le regole del gioco non cambiano per cui rimandiamo alla nostra analisi di NSF, pubblicata qualche tempo fa per il funzionamento della partita.

Da sette a nove: i ninja litigiosi aumentano di numero
Il primo elemento di novità di NSF Rising Clan è l’aumento del numero di clan in gioco. Ai 7 clan originali, infatti, se ne aggiungono due nuovi. Le carte ruolo contenute nell’espansione vanno usate al posto di quelle presenti nel gioco base, poiché gli Shurinian (militari con addestramento ninja ma senza la cultura della tradizione Shinobi) e le Hibane (ninja donne dai poteri mentali eccezionali) diventano parte della sfida e sono dunque nel mirino degli altri clan (e viceversa). Con l’espansione il numero dei giocatori massimo sale fino a 9, ma i materiali da utilizzare nelle partite cambia in base alle persone attorno al tavolo.
Tralasciamo per ora il gioco per due o tre e concentriamo la nostra analisi sulle partite che coinvolgono da 4 a 9 giocatori. Come detto il mazzo delle carte vantaggio presente nell’espansione sostituisce interamente quello della scatola base. Il nuovo mazzo aggiunge alcune carte nuove e aggiunge a quelle vecchie i simboli dei due nuovi clan: Shurinian e Hibane.

  

Anche le carte ruolo sono rielaborate con un’importante novità rispetto alla versione base. Mentre in quest’ultima, infatti, ogni clan aveva un solo nemico giurato, ora ne ha due: un clan nemico primario (diciamo così “più odiato”) e un nemico secondario. La vittoria si ottiene sempre nello stesso modo, ossia eliminando il clan rivale, solo che con questa espansione si può prevalere eliminando il clan “rivale primario” o quello “rivale secondario”. Con NSF Rising Clan è anche possibile che la partita termini con più di un vincitore. In questi casi, si avrà una vittoria condivisa se tutti i vincitori hanno eliminato in maniera uguale i propri clan rivali (tutti i primari o tutti i secondari), nel caso, invece, che un giocatore abbia eliminato il proprio clan rivale primario e l’altro (o gli altri) quello secondario, il vincitore sarà ovviamente il primo.

Un giocatore può vincere anche in maniera, per così dire, indiretta, aiutando un altro clan a eliminare il proprio clan rivale. Perché questa vittoria sia reale, però, l’aiuto fornito deve essere volontario e non dovuto a effetti di costrizione provocati da carte già in gioco.

Abomini, sfide d’onore e status: le novità
Fallire una carta evento determina la pesca delle carte svantaggio il cui mazzo, in NSF Rising Clan, si arricchisce dei c.d. Abomini Ninja. In pratica, oltre ai killer già presenti nel gioco base, ora i clan se la devono vedere con dei mostri geneticamente modificati ancora più forti (e illustrati in maniera eccellente). Il combattimento contro questi avversari è decisamente un’opzione da tenere come ultima ratio se non si possiedono carte (come ad esempio la Cortina di Fumo), che consentono di annullare l’attacco di questi formidabili mostri-ninja. In compenso se riusciamo ad abbattere questi temibili nemici, otterremo come ricompensa degli ulteriori credidi ninja, che andremo ad approfondire tra poco.

Un’altra novità contenuta nell’espansione di NSF Clan Rising è la presenza delle carte “Sfida d’Onore”. Il fumetto allegato alla confezione ci informa che per limitare la guerra tra i clan iniziarono a essere organizzate delle sfide d’onore, ma presto queste ultime si ridussero a un pretesto per accrescere il prestigio dei clan di appartenenza, senza ottenere l’obiettivo di circoscrivere il conflitto tra i ninja.
Fuori dall’ambientazione, le carte “Sfida d’Onore” sono delle carte “Evento” e vengono mischiate al mazzo omonimo dal gioco base. Quando vengono pescate, il giocatore di turno sceglie un avversario per la sfida che si risolve in un combattimento speciale. Perché speciale? Anzitutto la “sfida d’Onore” non viene considerata una dichiarazione di attacco e la sconfitta di uno dei due contendenti non si risolve, come la norma, nell’eliminazione del giocatore perdente. Il vantaggio di prevalere in una sfida di questo tipo è quello di tenere come trofeo la carta evento “Sfida d’Onore”, che garantisce al vincitore un “credito ninja” (ogni carta “Sfida d’Onore” posseduta vale un “credito ninja”)… e questo ci porta alla terza novità di NSF Clan Rising: le carte status.

Ogni carta status consente al clan del giocatore che la possiede di ottenere dei bonus significativi durante il resto della partita. Esistono numerose carte status, ognuna con effetti differenti che rendono lo sviluppo della partita decisamente variabile. Alcune carte status come Superstite oppure Predestinato possiedono un effetto principale che può essere sfruttato da qualsiasi clan si garantisca la carta; in aggiunta, però, vi sono alcuni poteri speciali che possono essere sfruttati solo da specifici clan. Il rovescio della medaglia, in questo caso, è che per ottenere i privilegi di questi poteri è obbligatorio rivelare agli altri giocatori il proprio ruolo, diventando così più vulnerabili agli attacchi dei clan di cui si è nemici prescelti. Durante le nostre partite, in ogni caso, è risultato essere un vantaggio indiscutibile avere a disposizione i due poteri della carta status ed è quasi sempre consigliabile rivelare il proprio ruolo per sfruttare appieno la carta status pescata.
Le carte status si ottengono spendendo “crediti ninja”, quindi la condizione necessaria per ottenere questi vantaggi è di vincere almeno una “Sfida d’Onore” per ottenere il credito collegato. Di norma chi decide di spendere il proprio “credito ninja” pesca la prima carta del mazzo carte status, ma un clan abbastanza forte (e fortunato) da avere vinto due “Sfide d’Onore” e avere quindi due crediti, può pescare le prime due carte dalla cima del mazzo o, ancora meglio, passare in rassegna tutte le carte del mazzo e scegliere lo status preferito!

Da ultimo viene introdotta una nuova regola del dado che consente al giocatore che ottiene 1 nei tiri di attacco e in quelli indicati dalle carte evento di scartare una carta dalla propria mano e pescarne una nuova, presa dalla cima del mazzo.

C’eran due o tre ninja in piazza a cantar …
NSF Clan Rising può essere utilizzato anche per partite con due o tre giocatori soltanto. In questo caso le regole di set up variano sensibilmente rispetto alla versione principale del gioco, che viene utilizzata quando attorno al tavolo vi sono almeno 4 persone.
Onestamente NSF (anche con l’espansione) giocata in meno di 4 clan non garantisce altrettanto divertimento. Le partite in questo caso sono molto brevi, il che non è un male in assoluto, ma mancano un poco di mordente e l’interazione che si ha quando si sfidano 4 o più clan ninja è decisamente a un livello superiore.

Conclusioni di una dura giornata di lotta tra clan
NSF Clan Rising rappresenta uno strumento interessante per rendere maggiormente strategiche le partite a questo gioco. Le scelte aumentano e i poteri forniti dalle carte status, bilanciate dalla necessità di rivelare il proprio ruolo se si vuole ottenerne la massima efficacia, rendono più complesso il gioco senza appesantirlo. La componente aleatoria dell’uso del dado diventa meno “pesante”, anche se resta in ogni caso il rischio di essere eliminati dal gioco nelle fasi iniziali della partita, dovendo poi rimanere a guardare da spettatori il resto della sfida. A livello ‘assoluto’ questo è forse il difetto più grande di un gioco peraltro molto gradevole. Ma se ci si immedesima nell’ambientazione, il rischio di rimanere “ucciso” e fuori dai giochi aggiunge un pizzico di adrenalina che a me personalmente non dispiace. Le partite, poi, anche con molti giocatori, hanno una durata piuttosto contenuta e non hanno mai superato l’ora di gioco.

Avrei gradito, nel mazzo delle carte evento, qualche ulteriore missione. In NSF Clan Rising, infatti, gli eventi aggiuntivi sono solo quelli della “Sfida d’Onore” e l’aggiunta di un altro killer (gli Abomini Ninja sono infatti contenuti nelle carte svantaggio).

PRO
– Possibilità di giocare fino in nove.
– Aggiunta di opzioni strategiche interessanti grazie al secondo clan rivale e alle carte status.
– Illustrazioni e materiali di buona qualità.
– Partite rapide anche in tanti giocatori.

CONTRO
– Qualche carta evento in più con altre missioni non avrebbe guastato.
– Possibilità di essere eliminato dalla partita prima del termine (ma vedi le considerazioni esposte nella recensione).

Related Articles

I NOSTRI SOCIAL

9,175FansMi piace
1,907FollowerSegui
315FollowerSegui
947IscrittiIscriviti

Ultimi articoli