lunedì 17 Giugno 2024

Games Workshop raddoppia la gamma di colori: 145 nuove tonalità

Quando la Games Workshop prepara qualche novità, la rete la segue sempre con estrema attenzione, essere il più importante produttore di modelli al mondo a quanto pare fa questo effetto!

 Per questo quando sabato scorso è stata annunciata la nuova linea di colori Citadels, che va a rinnovare completamente il parco colori esistente, tale gamma era già stata sviscerata, le foto dei barattoli e la lista dei colori erano già in circolazione.
 Abbiamo preferito aspettare di poter toccare con mano prima di darvi le nostre impressioni…

La nuova gamma è composta da ben 145 colori, divisi in categorie in base all'utilizzo. Se tra qualche mese vorrete comprare una classica boccetta di Blood Red, non stupitevi se non la troverete, infatti la gamma è stata completamente rinnovata, e tutti i colori hanno dei nuovi nomi.

Perché questo? Questa apparente complicazione nasce da alcune precise esigenze. Il fornitore dei pigmenti pare sia cambiato, questo vuol dire che, di fatto, non esisterà più il colore Blood Red. E il Wild Rider Red che lo sostituisce avrà, molto probabilmente, una tonalità leggermente diversa.
Cambiare il nome impedisce quindi che un cliente compri un colore e si trovi con una tonalità diversa da quella che ricordava, o che aveva applicato ai suoi modelli.
Aggiungiamo anche che tutti i nuovi nomi hanno il simbolo del TM accanto al nome, segno che sono stati tutti registrati, presumibilmente per evitare che altre case usino gli stessi nomi per i propri range.

Per venire incontro ai propri clienti la Games Workshop ha rilasciato questa tabella di conversione, che onestamente ci ha lasciati un poco perplessi visto che viene indicato lo stesso colore come sostituivo di colori con tonalità piuttosto diverse… evidentemente dove non potevano trovare una corrispondenza esatta hanno scelto la più simile ma, come detto sopra, non aspettatevi di trovare sempre tutte le stesse tonalità.

 Andando a esaminare i nuovi colori e le categorie che li compongono abbiamo:

Base
Questi colori vanno a sostituire la gamma dei Foundation, colori con un alta dose di pigmento studiati per coprire al meglio con pochi passaggi. Questa categoria ha ben 34 colori, un bell'incremento rispetto ai 18 della precedente gamma! I Base si presentano con una consistenza più solida degli altri colori, ma più fluida rispetto ai Foundation. I colori che si aggiungono alla gamma sono più brillanti, come il Mephiston Red (rosso) e lo Screamer Pink (rosa), anche se più di tutti genera aspettativa il bianco, o Ceramic White.

Layers
Questa gamma di 70 diversi colori è, indiscutibilmente, la categoria principe. Questi sono i colori da usare dopo aver dato i Base, le luci iniziali e intermedie. Il nuovo pigmento dovrebbe risolvere alcune problematiche dei vecchi colori, se il miglioramento rimane consistente all'interno di tutta la gamma probabilmente questi colori daranno filo da torcere alle aziende concorrenti. Andando a esaminare la gamma vediamo come i Verdi abbiano avuto un'attenzione particolare, probabilmente i Goblin allo studio ci hanno messo lo zampino…

Shades
Per molti i lavaggi opachi, o Wash come erano chiamati, sono stati una rivelazione. Le Shades promettono di mantenere lo standard, anzi di alzare la barra fornendo un colore che scivola meglio nei recessi creando le ombre dove dovrebbero naturalmente essere. Anche qui abbiamo alcune aggiunte di colori chiari, come il Cassandora Yellow o il Fuegan Orange, ma quello che tutti si chiedono è se il sostituto del Devlan Mud sarà all'altezza di un colore che, in breve tempo, è stato l'assoluto preferito di moltissimi pittori.

Glaze
Ecco la prima nuova categoria, i Glaze. Per chi non lo sapesse, nella pittura di modelli il Glazing è una tecnica che consiste nel passare il colore estremamente diluito, "acqua sporca" è il termine tecnico, in modo da non colorare l'area interessata ma di ritoccare la tonalità esistente. E' una tecnica normalmente usata fuori dai modelli da gioco, in quanto più difficile da padroneggiare e i cui risultati non sono apprezzabili appieno su modelli destinati a stare su un tavolo. Questa gamma, che potrebbe essere molto interessante, ha solo quattro colori, i tre primari e l'onnipresente verde.

Dry
Progettati per il drybrushing i Dry sono colori con una consistenza più densa degli altri. Il drybrushing normalmente si realizza prendendo una piccola quantità di colore e passando pennello su un tovagliolo. Il poco colore che rimane sul pennello viene quindi spazzolato sul modello, il colore rimarrà sui punti più un rilievo evidenziandoli. Le 15 tonalità dei Dry sono tutti colori piuttosto chiari, quasi pastello.

Texture
Chi è abituato a impapocchiare con colla e sabbia sa bene quanto queste possano sporcare, la vernice texturizzata è la soluzione al problema. Il colore è miscelato con dei componenti granulosi, che simulano la sabbia. Viste le dimensioni delle boccette è difficile pensarne a un uso consistente sugli elementi scenici, ma possono sicuramente essere molto utili sulle basi delle miniature, anche se prima di dare un giudizio definitivo bisognerà vedere se la quantità di sabbia presente nel colore è sufficiente a coprire la basetta o se è solo un modo per spezzare eventuali superfici troppo piatte.

Techincal
Chiudiamo la carrellata di colori con questi quattro nuovi strumenti, ovvero la Materia Verde Liquida, che già da qualche mese è divenuto un utile strumento per i modellisti, il protettivo lucido, un primer nero e un Medium per aiutare la diluzione dei colori.

Per chi volesse acquistare la gamma completa dei colori è disponibile, al prezzo di 435 euro, il Citadel Paint Bundle, ovvero una valigetta per Armate compresa nel prezzo in cui sono disponibili tutti i 145 colori, disponibile fino a esaurimento scorte.

Related Articles

I NOSTRI SOCIAL

9,232FansMi piace
1,986FollowerSegui
315FollowerSegui
947IscrittiIscriviti

Ultimi articoli