martedì 18 Giugno 2024

Yummell – corse fantasy illustrate da Quercelfo

Se pensiamo a Das Production immediatamente ci vengono in mente alcuni titoli che hanno fatto la fortuna del gioco di ruolo made in italy nel corso degli anni 90, come il Gioco di ruolo di Dylan Dog o l’innovativo gioco teatrale On Stage. Era parecchio tempo che l’editore non ci dava sua notizie; il suo ritorno sul mercato è rappresentato da un gioco da tavolo ambientato in quell’universo fantastico chiamato Kfoorp e creato da Paolo Chiari (noto anche come Quercelfo) con cui probabilmente molti di noi sono entrati in contatto più di una volta, magari anche solo entrando in un negozio di oggettistica.

Yummell è il titolo di quest’opera, un termine magico dalle origini poco note, che ci riporta a una curiosa competizione in cui dovremo raggiungere per primi un traguardo attraverso un percorso magico e imprevedibile. Poteva forse il mago Homberflupp lasciarsi scappare l’occasione di riprodurre questa corsa sui tavoli da gioco ?

Yummel è dunque un gioco di corse per 2-8 giocatori. Ciascun partecipante alla corsa prende il ruolo di “campione” eletto dal proprio popolo. Come è facile immaginare il vincitore sarà colui che arriva per primo al traguardo, non importa come ci sia arrivato (volando, saltando o comunque con mezzi poco ortodossi), l’unica cosa che conta è essere i primi.
Ogni personaggio ha abilità speciali e caratteristiche che gli serviranno a “sopravvivere” alla corsa, da notare che oltre i prevedibili valori di “Forza”, “Agilità” e “Magia” appare anche un valore di “Simpatia”. Il gioco inizia proprio scegliendo il proprio corridore tra questi personaggi e allestendo il percorso. La scatola di Yummel contiene 10 tessere percorso, ovvero dei quadratoni con sopra rappresentati diverse caselle, ciascuna raffigurante un diverso tipo di terreno (pianura, collina, bosco e palude). Si può scegliere un percorso precostituito o si può inventarne uno nuovo piazzando a turno una tessera in modo coerente con la precedente.

L’elemento fondamentale del  gioco sono le 90 carte, illustrate sempre da Quercelfo, che si dividono in Artefatti , Creature ed Eventi. I giocatori partono con una mano di 4 carte, che utilizzeranno durante il proprio turno, affronteranno il destino sempre pescando da questo mazzo e reintegreranno la propria mano per tornare a 4 alla fine del turno. Le carte saranno utilizzabili in due modi: per applicarci quello che c’è rappresentato sopra o per utilizzare il valore numerico riportato nell’angolo in alto a sinistra.

Il meccanismo è piuttosto semplice: l’ordine di gioco viene determinato pescando da un sacchetto delle pedine corrispondenti ai nostri personaggi. Al nostro turno ci muoviamo utilizzando i valori numerici delle carte (e rispettando le regole legate al terreno e all’occupazione condivisa degli spazi), affrontiamo un evento pescato dal mazzo utilizzando le nostre caratteristiche  (sommate eventualmente alle carte) e infine reintegriamo la nostra mano. L’imprevedibilità del gioco viene data dagli effetti delle carte, che permettono di agire sulle proprie abilità, sulle posizioni dei nostri avversari, sugli equipaggiamenti, sugli incontri…su tutto insomma, perfino sul percorso. Il risultato sarà caotico in misura proporzionale al numero di giocatori, non per nulla sul regolamento è specificato che più saranno i partecipanti, più aumenterà la durata della partita.

Per quanto gli elementi variabili che distinguono le partite siano parecchi, il meccanismo di gioco non brilla per originalità. Gli autori di questo titolo (Alessandro Ivanoff e Massimo Chiari) non hanno sicuramente voluto rivoluzionare il genere dei racing game, ma piuttosto offrire un pretesto divertente per simulare una competizione tra creature di indubbia simpatia.
Considerando la fama e la diffusione delle opere di  Paolo Chiari non ci stupiremmo affatto di vedere questo titolo presente anche su altri scaffali oltre quelli dei negozi di giochi. Sicuramente la bella illustrazione della scatola e la miniatura di Yhop il saggio realizzata da Quercelfo non mancheranno di destare interesse anche nel pubblico meno avezzo.

Yummel è disponibile da questo mese al costo di 45 euro, nei negozi o direttamente dal sito ufficiale del gioco, sito dove potrete trovare anche il regolamento in tutti i suoi dettagli.

Related Articles

I NOSTRI SOCIAL

9,232FansMi piace
1,985FollowerSegui
315FollowerSegui
947IscrittiIscriviti

Ultimi articoli