lunedì 15 Luglio 2024

Cranio Creations: novità e programmi per la seconda metà dell’anno

Avevamo già avuto modo di scambiare quattro chiacchiere con Lorenzo Tucci Sorrentino, in quel della scorsa edizione dello Spielwarenmesse di Norimberga, circa i programmi futuri della sua Cranio Creations e, in particolar modo, riguardo le anticipazioni su qualcuno dei titoli in uscita nei prossimi mesi. In quella sede eravamo rimasti molto affascinati dalla sfida di abilità offerta da La Torre, interessantissimo connubio tra boardgame e giocattolo, ma anche dal prototipo di Admiral of the Black, in cui la cooperazione tra i giocatori ha delle tempistiche fisse, scandite da clessidre che, incidentalmente, rappresentano anche le stesse pedine dei giocatori.
A fianco a essi faceva bella mostra di se Il concilio dei quattro, un german leggero a firma Simone Luciani, sicuramente più classico ma con il tratto sicuramente distintivo di essere il primo interamente made in Cranio Creations.
Dopo qualche mese, grazie alla disponibilità di Lorenzo che recentemente ci ha rilasciato una nuova intervista, abbiamo scostato un altro po’ il velo del mistero e torniamo dunque a parlarvi delle novità della casa meneghina da qui fino a Essen 2016.

Ma insomma, cosa sta preparando per noi il cervellotico editore? Scopriamo insieme…

Innanzitutto un paio di ovvie, ma doverose conferme, visto che sia Antike II che Insoliti Sospetti sono in dirittura d’arrivo. Avevamo avuto modo di “assaggiare” all’ultima Play il titolo di gestione ed espansione di Mac Gerdts nella sua edizione PD Verlag mentre, sempre alla kermesse emiliana, avevamo conosciuto sotto lo pseudonimo di Indago, la creatura di Paolo Mori dove i pregiudizi diventano la chiave della vittoria: Gli Insoliti Sospetti.

Iniziando con un antipasto di titoli leggeri, ecco che arriva la localizzazione di Booster, un party game frenetico della francese Ferti che ricorda, non solo nella forma, il noto Dobble, ma che ne da un’interpretazione decisamente originale, obbligando i giocatori ad accaparrarsi rapidamente le carte, sfruttando connessioni logiche o associazioni di idee ispirate dai disegni su esse raffigurati.
Insieme a questo, troviamo Codenames, party game targato Vlaada Chvatil, edito in europa dalla Czech Games, in cui due squadre di spie saranno alla ricerca dei loro nomi in codice seguendo i criptici suggerimenti dei loro rispettivi capisquadra che, potendo dire solo un numero e una parola, dovranno cercare di guidare i loro gruppi alla selezione dei codici giusti, evitando però di farli incappare in quelli appartenenti alla squadra degli avversari oppure, ancora peggio, tra le grinfie dell’immancabile assassino.

Venendo a titoli di corposità ben maggiore, ecco una notizia che crediamo molti stavano aspettando: la nuova edizione di Through the Ages, parlerà anche Italiano! Il che vuol dire che possiamo considerare chiuso il progetto di localizzazione italiana dell’attuale versione su cui stava lavorando da parecchio tempo Raven Distribution.
Sottolinea Lorenzo che ciò che giungerà nei nostri lidi grazie a loro, non sarà una semplice ristampa, poichè il famosissimo titolo di civilizzazione senza mappa di Vlaada Chvatil, potrà godere a tutti gli effetti di una nuova edizione, con carte, plance e materiali ridefiniti allo scopo di migliorarne la visibilità e la facilità di fruizione.


La scuderia di pesi massimi però non è ancora al completo. Visto infatti l’accordo con PD Verlag, verranno portati in Italia altri “mostri sacri” firmati Mac Gerdts. Dopo Concordia e Antike II quindi, cosa conterrà la prossima scatola? Non è ancora sicura la scaletta cronologica ma, per il prossimo nome in uscita entro Play 2016, possiamo dirvi che c’è un ballottaggio tra Imperial 2030 e Navegador. Insomma, sia che si tratti di impersonare speculatori in un futuro distopico e conflittuale, sia che si debba prendere le parti di esploratori portoghesi del XV secolo, non fatichiamo a credere che ci sarà un’impennata vertiginosa di appassionati della “rotella”, marchio di fabbrica del prolifico autore teutonico.
Inoltre, sempre a Play 2016, dovremmo essere in grado di mettere le mani su Fields of Arle, titolo del 2014 da 1-2 giocatori del famosissimo Uwe Rosenberg dotato di una certa componente autobiografica (Arle è il paese di nascita del padre dell’autore), in cui saremo alle prese con l’espansione di una tenuta nelle campagne della Frisia, piazzando lavoratori ed espandendo i propri territori tra terreni paludosi e dighe.
E visto che parliamo dei titoli della Feuerland Spiele (partner consolidato di Cranio), ci viene confermata anche la futura pubblicazione di Haus der Sonne entro ottobre, il gioco per 2 giocatori di cui vi abbiamo dettagliatamente parlato poco tempo fa e che in italiano prenderà il nome di “La Casa del Sole”.
Non è ancora finita qui, perché Cranio vuole ancora stupirci con titoli dalla spiccata originalità. A tal proposito è stata stretta una partnership con Uplay.it Edizioni, mirata alla localizzazione di alcuni giochi della Portal Games.
Dalla casa polacca, sbarcheranno infatti Tides of Time: le maree del tempo e Abbatti, combatti e arraffa il malloppo.
Il primo titolo è opera di Kristian Curla e promette di racchiudere una scorpacciata di strategia in sole 18 carte e massimo 20 minuti. Sarà un veloce gioco da 2 giocatori in cui si dovranno ottenere le migliori combinazioni di effetti ma, mediante un interessante sistema di draft, selezione ed esclusione delle carte, le condizioni per ottenere i punti potranno rimpallarsi continuamente da un giocatore all’altro.
In Abbatti, combatti e arraffa il malloppo invece, Ignacy Trzewiczek ci trasformerà in pirati che, mediante scorribande per i sette mari, ma anche grazie a abili compravendite ai mercati sulle isole, dovranno primeggiare in fama tra tutti. I materiali saranno sicuramente il fiore all’occhiello di questo titolo; verranno continuamente tirate secchiate di dadi per lo svolgimento delle azioni e conteranno non solo i risultati ottenuti, ma anche la reciproca posizione degli stessi. Inoltre ciascun giocatore potrà personalizzare il proprio vascello con moltissime migliorie.
Spostandoci poi ancora più avanti nel tempo, segnaliamo che la pubblicazione di Gnominia, di Stefano Castelli, dovrebbe veder luce alla fiera di Essen del 2016.

Come se ve ne fosse bisogno, ulteriori novità bollono in pentola, ma purtroppo non possiamo darvi ancora i dettagli. Possiamo però rivelarvi che alcuni di essi porteranno le firme di Vladimir Suchy, Reiner Stockhausen e, ancora di Uwe Rosenberg.
E’ chiaro, anche dalla stessa ammissione di Lorenzo Tucci Sorrentino, come la volontà sia quella di ampliare l’offerta in quantità, ma con una forte attenzione soprattutto alla varietà, allo scopo di raggiungere il maggior numero di appassionati con titoli che spaziano tra parecchi generi. Grazie a sapienti scelte di titoli inediti e di importazioni molto apprezzate, Cranio Creations sta costruendo veramente un catalogo di tutto rispetto: dal party game ai giochi di abilità, dai “mostri sacri” del genere gestionale a titoli che spingono sul versante dei materiali e dell’innovazione. Insomma, per concludere,siamo abbastanza sicuri che Lorenzo & co nei prossimi anni potranno offrire  ampia scelta a tutti i tipi di giocatori.

Non ci resta dunque che rimanere in attesa di dettagli più precisi, in special modo per quanto riguarda i titoli ufficiali e le date di uscita di ognuno di questi interessantissimi prodotti.

Related Articles

I NOSTRI SOCIAL

9,231FansMi piace
1,998FollowerSegui
315FollowerSegui
947IscrittiIscriviti

Ultimi articoli