martedì 28 Maggio 2024

Prodigy: rivoluzione in arrivo per il mondo del gioco

Come ogni anno giunge uno dei più grandi e importanti appuntamenti dell’industria ludica internazionale: la fiera del giocattolo di Norimberga. In questi 160.000 metri quadri destinati ai professionisti del gioco trova il suo spazio anche una sezione dedicata al gioco da tavolo. L’officina ludica italiana non manca a questo appuntamento, difatti molti dei progetti in attesa per il 2009 scelgono la città tedesca come palcoscenico per le prime presentazioni.
Iniziamo con questo articolo a scoprire le novità degli autori e partiamo con un progetto estremamente ambizioso ad opera di un gruppo di sviluppo che ha gia fatto parlare parecchio di se: e-Nigma e il rivoluzionario Prodigy

Le informazioni che abbiamo ottenuto non ci permettono di catalogare Prodigy in un genere ben definito, ma le peculiarità che lo caratterizzano creano un’aspettativa enorme.
Prodigy non è un gioco che si rifà a una licenza importante, un percorso dunque diverso da quello intrapreso, ad esempio, con Wizards of Mickey. E questa scelta nasce proprio dalle enormi potenzialità di Prodigy che, per parola dell’autore: “… non ha bisogno di una licenza, perché non è soltanto un gioco…”
Altro aspetto peculiare del progetto è che l’imprenditore che sta finanziando il progetto non è un editore di giochi, ma un’agenzia statunitense di informazione indipendente, la Haxo Underground Communications. Non ne avete sentito parlare? non c’è da stupirsi perchè la Haxo non ha mai partecipato all’industria ludica e in questa occasione vuole che il suo nome compaia il meno possibile proprio per non influenzare l’immagine che Prodigy da solo si riuscirà a costruire. Addirittura il suo leader, sotto lo pseudonimo di VoiceOver, ha dichiarato “…Quello che vogliamo dimostrare è che se si ha ancora voglia di giocare e di emozionarsi con qualcosa di nuovo, lo si può fare partendo da zero, da un’idea, come accadde 15 anni fa con Magic, che fu ben più di un gioco. Da allora nessun altro prodotto si è presentato sul mercato senza un vestito addosso, per paura di osare troppo. Prodigy osa, perché non è un semplice gioco: è molto di più…”


Un editore di giochi è però necessario e la scelta di Haxo è ricaduta su un nome che ha gia lavorato con e-Nigma: New Media Publishing. La scelta sembra essere stata dettata anche dalla giovane età di New Media, che di conseguenza non si è ancora conquistata i pregiudizi del mercato.


Abbiamo dunque un primo indizio: il paragone con Magic non è azzardato, anche in questo caso parliamo di un titolo collezionabile. La distinzione però la fà e-Nigma che ci tiene a precisare che non parliamo di carte collezionabili ma di “Game Cards”, termine con il quale si vuole rendere chiaro ai giocatori che il livello di personalizzazione del proprio “mazzo” andrà oltre quanto visto fino ad ora. Sempre pensando alle attuali logiche dei titoli collezionabili, un altro aspetto innovativo sta nell’obiettivo di rendere il gioco più accessibile da un punto di vista economico: questo si realizza ad esempio dall’assenza di carte “inutili” che spesso i giocatori scartano e gettano subito dopo l’apertura del booster.


Mistero e aspettative anche sull’ambientazione: un ibrido tra la vita quotidiana e la fantascienza, qualcosa che potremmo aver già visto in film e romanzi ma che nonostante questo sarà sicuramente diverso da qualunque setting sia stato prodotto sino ad oggi in un gioco. Sembra che la chiave di interpretazione risieda nello slogan di Prodigy: This is More!


Anche l’aspetto grafico sarà estremamente curato: enorme realismo e stile simile ai prodotti multimediali di ultima generazione, il che porta subito a pensare a un coinvolgimento delle piattaforme elettroniche che VoiceOver non esclude affatto, anzi la scelta di New Media è probabilmente motivata anche dalla sua esperienza in merito.


Le ultime informazioni che abbiamo sono la data di uscita, fissata per settembre 2009 e un sito internet che attualmente è composto solo da un filmato altrettanto misterioso.


Confidiamo di ottenere maggiori informazioni in Germania e nel frattempo facciamo i nostri auguri a e-Nigma e New Media per la scelta coraggiosa di proporre un gioco collezionabile slegato da licenze famose. C’è da dire che in questi ultimi tempi avere per le mani brand famosi può anche non essere cosi conveniente

Related Articles

I NOSTRI SOCIAL

9,232FansMi piace
1,979FollowerSegui
315FollowerSegui
947IscrittiIscriviti

Ultimi articoli