lunedì 17 Giugno 2024

[LuccaGames2012] Mater Obscura – a Sine Requie Tale

Sine Requie, il famoso gdr tutto italiano del dinamico duo Moretti-Cortini (o Leo&Curte che dir si voglia), diventerà un videogioco.

Notizia ormai stranota. Per questo Gioconomicon ha seguito la conferenza tenutasi alla recente Lucca Games 2012 in modo da poter offrire informazioni approfondite su questo interessantissimo progetto videoludico.

Incontriamo così i simpatici esponenti della giovane software house Dreampainters, che al momento è raggiungibile solo attraverso la pagina Facebook, e un blog specificamente dedicato alla loro prima fatica videoludica: l’avventura horror tutta italiana Anna.

Tanto per cominciare il progetto si chiama, tentativamente, Mater Obscura – A Sine Requie Tale.
Questo non sarà un gioco ispirato al gdr Sine Requie, come si suol dire quando si trae vaga ispirazione da qualcosa per poi fare tutt’altro, ma sarà invece un videogioco DI Sine Requie… fedele al 100% all’ambientazione del gioco di ruolo originale.
La trama dell’avventura è stata approvata, punto dopo sudato punto, da Curte & Leo, che inoltre hanno dichiarato di aver profusamente "rotto le scatole" durante tutto il processo di sviluppo.

Ovviamente la stessa cosa non può applicarsi alle meccaniche interne di gioco, anche se gli sviluppatori dichiarano di aver cercato anche qui di preservare un certo parallelismo fra regole del videogioco e regole del gdr, soprattutto per quanto riguarda l’evocativa parte giocata dai Tarocchi.

Il gioco è confermato, al momento, per la fine del 2013.

Ma veniamo a un po' di succosi dettagli tecnici!
Il gioco si baserà sulle più moderne librerie DirectX11, nascerà come esclusiva Windows ma potrebbe venire trasposto a Mac e Linux in caso di buona risposta di pubblico.
Il motore grafico sarà acquisito da terze parti, ma su questo punto c’è ancora riserbo in quanto la scelta non è stata finalizzata e gli sviluppatori non vogliono fare annunci ufficiali per poi magari cambiare del tutto rotta.
Il gioco avrà una modalità multiplayer, ma si vuole creare qualcosa di unico e calzante, per cui anche qui il riserbo è assoluto.

Dovendo descrivere il gioco che i Pitturasogni hanno in mente possiamo affermare che il titolo avrà una specifica trama da esplorare, ma ricca di sotto-quest e obbiettivi secondari; ci saranno più finali possibili, determinati dalle scelte del giocatore.
A proposito di scelte, la principale ispirazione è l’acclamatissimo titolo polacco The Witcher … il che, per i profani, significa affrontare tematiche adulte senza una visione pre-concetta di cosa sia bene o male, il che in gioco si traduce in interessanti e difficili decisioni morali che causeranno importanti ripercussioni sullo svolgimento di tutto il gioco.

L’azione di gioco sarà in soggettiva, calata in un dettagliato ambiente 3D, in cui i “PNG” avranno una sorta di vita propria fatta di routine, bisogni e priorità.
Non sarà però un mondo “free roaming” a la Skyrim, seguendo qui un modello molto più simile a quello di titoli come Penumbra e Amnesia: il gioco sarà infatti orientato più all’offrire una storia profonda e avvincente, piuttosto che sull’esplorazione di un mondo “aperto” o magari l’esercizio di capacità di combattimento.
Il giocatore sarà chiamato a risolvere indovinelli e puzzle per poter andare avanti, sia legati alla logica della storia che alla fisica del mondo 3D; ci sarà una componente di combattimento, ma sarà minimale rispetto a tutto il resto.
A tal proposito gli sviluppatori tengono a precisare che, sebbene il personaggio protagonista abbia statistiche sviluppabili nel corso del gioco, non ci sarà alcun tipo di “farming” e anzi ogni singola quest avrà senso per la storia, per i personaggi e per la situazione contingente; se c’è una cosa da evitare, dichiarano, sono le missioni da “ragazzo delle consegne” (trova il fungo, prendi il fungo, portaci il fungo, uccidi il fungo).

Ma di che parla il gioco esattamente?
Questo, purtroppo, ancora non siamo riusciti a carpirlo.
Sappiamo però che la trama è già completamente realizzata e approvata, e ora si tratta solo di costruirci il gioco attorno.
Sappiamo che il protagonista si chiamerà Marcello e che avrà a che fare con una co-protagonista di nome Anna Maida.

Sappiamo che il gioco sarà ambientato a Roma e dintorni, e che in particolare molte location sono state realizzate studiando luoghi reali, fra cui veri paesi delle campagne romane; a quanto pare ci sarà una grossa area urbana centrale, alla quale si aggiungeranno un’ampia serie di ambienti rurali e frazioni di altri paesini.
Infine un elemento che sarà molto presente sarà la rappresentazione della “politica” distopica che è elemento così particolare di Sine Requie.

E ovviamente non poteva mancare il trailer ufficiale del Making-Of!

Related Articles

I NOSTRI SOCIAL

9,232FansMi piace
1,986FollowerSegui
315FollowerSegui
947IscrittiIscriviti

Ultimi articoli